eTwinning Europe parla del nuovo progetto dell'IC di Codogno

pubblicato 31 mar 2020, 16:33 da ENRICA STEFFENINI


eTwinning in Codogno, the small isolated town in the north of Italy where teachers keep spirits up
article image 

eTwinning in Codogno, the small isolated town in the north of Italy where teachers keep spirits up

27.03.2020
Luisa Lenta, a primary teacher with 25 years of experience, talks about how eTwinning is keeping her pupils and their families busy and motivated in the town of Codogno.

Before mid-February 2020 no one could indicate on a map of Italy where Codogno is. No one had ever heard the name of it and no wonder: the province of Lodi is in Lombardy the administrative region with the highest density of population in Italy. Codogno is just one of the many small villages that form a strongly interconnected network, and where all the inhabitants know each other.


This anonymity did not last for long. On Friday 21 February 2020, just before the Carnival holidays, Codogno's daily life was shaken by the arrival of what we all know today as Covid-19. Suddenly and very unwillingly, Codogno became the epicentre of the outbreak inheriting a notoriety that made it famous, not only in Italy, but also in Europe and beyond.


eTwinning would like to do to Codogno justice, and make it known for another reason: the remarkable way that its teachers responded to the critical situation – schools were immediately closed and the town entirely locked-down, and how with their actions and perseverance they guaranteed not only the continuation of teaching and learning of their students but also the betterment of their well-being.

During these times, teachers managed to lift up the spirit of their pupils and their families with practical and recreational activities. This managed to keep their minds and hands engaged and therefore helped them face the situation with courage and positivity.

Luisa Lenta, a primary teacher with 25 years of experience, describes below her experience.

“If you don’t have something positive to think about or to do, it is difficult to wait because you don’t know when it will end.”

IC Codogno is a large Comprehensive School that promotes 21st century skills for children and teachers. I am the coordinator of the Innovative ‘Teaching’ area of my school (Erasmus, eTwinning and Coding) and we are proud to be a UNICEF School and an eTwinning School.

 Codogno1

Every day, I get up at about 8.00, have breakfast with my husband and then start working to prepare the online lessons and materials, in the form of a video for my class. I attend two to three webinars a day, answer to a lot of emails, messages and videocalls with friends and colleagues that are worried about the situation here and in Europe. In my school, we were not prepared at the beginning. Eventually we managed to use the available technology and teach online. We are trying to do our best with what we have to involve parents and children in the learning process: messages and videos on WhatsApp, Google Meets, and emails. I would like to share some practical tips that I found very useful and helped me a lot at the beginning:

  • Reach a representative of the class as intermediary via WhatsApp and let them get in touch with the rest of the parents to share all the updates;
  • Keep the electronic register constantly updated to show everyday lessons and activities and share it via WhatsApp (we had to take into account that not all the families had a Computer, that’s why we tried to use the mobile as much as possible);
  • Create a Google Drive and ask parents to take a picture at the end of the day to share the activities and the homework with the rest of the class. Practical example: I organized the Maths DAY party online, each one had to prepare a number/maths mask/dress and a cake or biscuits according to the theme. Then we met online and shared and talked about what we had prepared.

We do miss face to face interactions, and at the end of the day we feel very tired and drained however we believe in the importance of staying at home to reduce any chance of contagion and further spread. Since the beginning of the lock down my eTwinning friends from Italy and from Europe started asking me about the situation, sending us messages, drawings from their kids and videos and I decided to set up a project to connect the ones who were THE RED ZONE: Isolated but Connected! The project aims to involve the classes of Italian (and non-Italian) schools to create an online space in which children can freely share feelings, activities, drawings, crafts, songs, games, letters, experiences and thoughts related to this particular moment.

“We are not alone, even if we are isolated. Through eTwinning we will travel all over the Europe and we will be able to connect with a lot of new friends.”

This is very important for everyone (teachers, children and families) because it keeps us busy with a lot of “positive activities”. Families are playing an essential role in helping the teachers. We are very lucky because parents understand that the school has changed, and they are supporting us. I also ask pupils to teach their parents on how we are working and therefore now the whole family is involved in the teaching/learning process.

“For me eTwinning is like climbing mountains, the mountain teaches you how to be resilient and eTwinning is helping teachers in this sense. A lot of resilience is what we need now and the passion as well. If you don’t believe in the things you are doing you can never reach the top of the mountain!”

 Codogno4

During this “necessary” isolation to preserve the health of everyone, we struggle to understand the current situation. But like Luisa, we must not resign. This emergency is giving us great lessons that we should safeguard and put in practice. Everything that we were accustomed to, in relation to family, schools, social life and work relationships, and are now distorted, will be re-established and reconstructed, with respect, care, and tolerance.

Luisa gave to her pupils the task to plant some seeds and to register their growth. This will help her students remain positive and keep things in perspective.

Kids in Codogno will transform the fear that today marks their days, into energy to make their world better. What about your pupils?

Telescuola in una famiglia di Codogno

pubblicato 22 mar 2020, 12:19 da ENRICA STEFFENINI

Repubblica - 22 marzo 2020


Isolati ma connessi, nuovo progetto eTwinning per l'IC di Codogno

pubblicato 22 mar 2020, 12:05 da ENRICA STEFFENINI   [ aggiornato in data 22 mar 2020, 12:12 ]

Corriere.it/scuola - 14 marzo 2020


DIDATTICA E SOLIDARIETÀ
Coronavirus e didattica a distanza: la maestra di Codogno che manda i WhatsApp ai bambini del Devon
"Isolati, ma connessi!" è il progetto eTwinnning nato nel cuore della zona rossa. Un modo per condividere esperienze, suggerimenti e risorse con le scuole degli altri Paesi che stanno ora affrontando l’emergenza
di Peppe Aquaro

Coronavirus e didattica a distanza: la maestra di Codogno che manda i WhatsApp ai bambini del Devon
 
Codogno chiama Torquay, nel Sud dell’Inghilterra, e la cittadina della contea del Devon, a 1600 chilometri dal centro della Bassa lodigiana, risponde presente. E’ il dialogo a distanza, ma non per questo meno appassionato, tra gli alunni della scuola elementare dell’Istituto comprensivo della città lodigiana, ed i piccoli studenti della Barton Academy School. L’obbiettivo è raccontare e condividere ciò che sta accadendo in queste ultime tremende settimane nel primo epicentro del focolaio del Coronavirus. Questo ponte ideale - nel quale sono coinvolti, naturalmente anche gli insegnanti -, lo ha lanciato, da appena tre giorni, Luisa Lenta, docente elementare del Comprensivo di Codogno - da cinque anni referente della didattica di Erasmus e di eTwinning -, e lo ha chiamato «The Red Zone: isolated but connected!».

Coronavirus, scuole chiuse: ma la didattica non si ferma
Esperimenti a distanza
«Ho subito pensato di condividere con gli studenti e gli insegnanti delle altre scuole, sia italiane che europee, ciò che stava avvenendo da noi: attraverso disegni, lettere, artigianato, canzoni e semplici giochi di società da fare online», racconta Luisa Lenta, madre di due ragazzi universitari («in questi giorni, come tanti altri, tutti insieme a casa»), appassionata di alpinismo e di didattica esperienziale: «Insegno matematica, inglese, scienze e tecnologia secondo una modalità che coinvolge tutti i sensi dei bambini». 

Le zone rosse
«Ogni due giorni registriamo un audio su whatsapp, per non perdere il rapporto con gli alunni, dicendo ai bambini che stiamo tutti bene, e loro, affezionatissimi, si tranquillizzano. Ce la stiamo facendo. Comunque». Nel progetto «Isolati, ma connessi» (che ha visto, naturalmente, l’approvazione entusiastica della direttrice, Cecilia Cugini), la prima scuola italiana ad essere coinvolta è stata quella di Vo’ Euganeo, l’Istituto comprensivo, all’interno della seconda zona rossa all’inizio dell’esplosione del Covid-19. «Lo scopo del progetto è, infatti, coinvolgere tutte le scuole che sono state per prime ‘rinchiuse’ in pochissimo tempo: per ciò che ci riguarda, il venerdì pomeriggio del 22 febbraio, subito dopo aver fatto pranzar i bambini a mensa, ci hanno detto di abbandonare in fretta e furia le classi», ricorda l’insegnante.

La solidarietà via WhatsApp
Non è stato facile. E la loro esperienza potrebbe servire ad altri istituti che potrebbero trovarsi, molto presto, a doversela vedere con il Coronavirus. «Ci hanno appena raccontato le nostre colleghe inglesi, che da lunedì 16 marzo, le scuole chiuderanno anche da loro», dice Lenta. Intanto, non si contano i messaggi su whatsapp che Angela Farrell e Paula Bell, le coordinatrici del progetto eTwinning per la Barton Academy School, si stanno scambiando in queste ore con la referente dell’istituto di Codogno. «Cara Luisa, vi stiamo pensando tanto e siamo molto vicini a te, ai tuoi cari ed ai tuoi bambini: preghiamo tanto per voi e siete sempre nei nostri pensieri». 

Isolati ma non soli
Ed ancora dall’Inghilterra: «Ciao Luisa, avrei pensato ad un progetto che potrebbe tornare utile a te ed ai bambini che studiano da casa: mi sono ricordata di una idea sviluppata quattro anni fa con una classe che tu hai conosciuto; potremmo filmare i bambini mentre inscenano, cantando, delle azioni quotidiane. Potrebbe essere l’inizio di una nuova amicizia tra gli alunni». Scrive Lenta nella presentazione del programma: «Non siamo soli, anche se isolati, e con eTwinning - la più grande community europea di insegnanti attivi in progetti collaborativi tra scuole, gestita in Italia dall’Agenzia Erasmus+ Indire - potremo viaggiare in tutta Europa e comunicare con tanti nuovi amici». 

Il giardino della speranza
Ed anche dall’Austria, dalla città di Linz, rispondono presente. In questo caso, è un professore della Corea del Sud, Hogul Park a scrivere agli amici di Codogno: «Sono autore di un progetto educativo, ‘4DFrame’, sto ascoltando dai telegiornali ciò che sta accadendo da voi: vi sono vicino. Da noi, in Corea, è arrivato il Coronavirus, ma speriamo di uscirne molto presto». «Non dobbiamo dimenticarci che i bambini, per essere tranquillizzati in questi momenti difficili, hanno bisogno di certezze, di cose pratiche. In sintesi: di fare qualcosa. E proprio per questo, ho lanciato il progetto, Giardino magico, giardino del cuore”» Un progetto che sta coinvolgendo sia i bambini del plesso di San Biagio, a Codogno, che quelli dell’istituto comprensivo di Vo’ Euganeo.

La piattaforma
In questi giorni, nei giardini delle due zone rosse più importanti d’Italia, i bambini stanno seminando le loro piantine. Da riportare a scuola non appena sarà finito tutto. E chissà che la passione per il pollice verde non coinvolga molto presto le altre scuole europee. Hanno già risposto, con altri progetti eTwinning, «L’unione fa la scuola», curato da due docenti brindisine, Giovanna Zito, dell’Iiss Majorana», e Marusca Destino, dell’Itt G. Giorgi, e «eTwinning Toscana a distanza», delle docenti Laura Maffei, dell’Itc A. di Cambi di Colle Val D’Elsa (Siena) e Simona Bernabei del Liceo Rosmini di Grosseto. Sono quasi trenta gli istituti scolastici che hanno aderito alla campagna di solidarietà ed allo scambio di buone pratiche di eTwinning. Tra i modi migliori per annullare le distanze.

Progetti eTwinning contro l'emergenza Covid-19

pubblicato 22 mar 2020, 11:59 da ENRICA STEFFENINI

News sito Erasmus plus - 13 marzo 2020

Le scuole eTwinning fanno rete contro l’emergenza COVID-19
LORENZO MENTUCCIA 13/03/2020 ETWINNING,  SCUOLA

La community europea di docenti eTwinning in aiuto delle zone colpite dal COVID-19. Da alcuni giorni alcuni docenti italiani iscritti hanno avviato i primi progetti di didattica a distanza con partner europei, per continuare la didattica in ottica di solidarietà e vicinanza, sfruttando le nuove tecnologie.

Alcuni giorni fa è stato creato il primo progetto “THE RED ZONE: Isolated but connected!”, avviato dalla docente Luisa Lenta, dell’Istituto comprensivo statale di Codogno, epicentro del focolaio del virus e prima zona rossa italiana.

Il progetto, che per adesso ha una scuola partner del Regno Unito, mira a coinvolgere le classi di scuole italiane e non per creare uno spazio online in cui i ragazzi possano condividere liberamente sentimenti, pensieri, attività, disegni, artigianato, canzoni, giochi, lettere e esperienze connessi a questo particolare momento.

Queste le parole della docente fondatrice: “Attraverso eTwinning viaggeremo in tutta Europa e saremo in grado di connetterci con nuovi amici nel nome della speranza e della solidarietà tra culture e paesi diversi ma uniti di fronte ad una minaccia che interessa tutti”.

Tra i progetti simili attivati in questi giorni nella community anche “eTwinning Toscana a distanza” delle docenti Laura Maffei, dell’ITC “A. di Cambio” di Colle Val D’Elsa (Siena) e da Simona Bernabei del Liceo “A. Rosmini” di Grosseto e conta già 17 scuole partner da tutta Italia. Il progetto che ha come obiettivo la formazione degli studenti e la condivisione di materiali/buone pratiche tra scuole, con sezioni per ordine di scuola, tematiche e per disciplina, all’interno delle quali i docenti partecipanti inseriranno materiali e creeranno eventi online.

“L’UNIONE FA LA SCUOLA – Didattica a distanza con eTwinning”, è un altro progetto eTwinning a sostegno delle scuole attivato da due docenti di Brindisi: Giovanna Zito, dell’IISS “E. Majorana”, e Marusca Destino, dell’ITT “G. Giorgi”.

“Nato in una situazione di eccezionalità, data dalla chiusura delle scuole a causa del COVID-19 – specificano le docenti -, il progetto mira alla creazione di una classe virtuale aperta, nella quale invitare i docenti delle diverse discipline, che inseriranno i materiali di studio diversificandoli per tipologia, prediligendo approcci attivi e predisponendo fasi di valutazione e autovalutazione, con eTwinning che si configura come lo spazio virtuale nel quale vengono promossi metodi didattici innovativi ad un numero pressoché illimitato di docenti e studenti”.

Oltre al lancio di nuovi progetti didattici, i docenti iscritti nella piattaforma si stanno inoltre attivando per creare Eventi online e Gruppi di networking per condividere metodologie di didattica a distanza ed esperienze.

L’Unità eTwinning Italia, in collaborazione con gli ambasciatori eTwinning, ha deciso di aprire il gruppo “SOS didattica a distanza” per favorire la condivisione e lo scambio di pratiche e idee per la riorganizzazione della didattica a seguito della chiusura delle scuole per contenere la diffusione del COVID-19.

Il livello di adesione degli iscritti dimostra il valore di una community didattica come eTwinning nel supportare e aiutare il sistema scolastico nella gestione delle emergenze.

Rappresentanti dei genitori in collegamento su Rai 2

pubblicato 22 mar 2020, 11:46 da ENRICA STEFFENINI

https://www.raiplay.it/video/2020/03/petrolio-files-2020-187c26db-861b-4170-8ca1-672e93263075.html  

Trasmissione televisiva Petrolio, Rai 2 - 13 marzo 2020 1:29 (ora e minuti)

L'IC di Codogno partecipa al webinar con Luca Vullo

pubblicato 22 mar 2020, 11:35 da ENRICA STEFFENINI   [ aggiornato in data 22 mar 2020, 11:38 ]

Solodonna.it - 9 marzo 2020


Home » Mamma » Coronavirus, scuola a distanza: ecco come si può fare
Coronavirus, scuola a distanza: ecco come si può fare
Tiros - 09/03/2020

Scuola a distanza credits Pixabay khamkhor

L’interessante caso di un istituto in provincia di Padova e le iniziative di volontariato di Luca Vullo, attore, formatore specializzato ed esperto di comunicazione. Previste nuove attività nei prossimi giorni. 

Il Coronavirus non ferma la scuola e la cultura. Il dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo di Lozzo Atestino (Padova), Alfonso D’Ambrosio, in piena Zona Rossa del Veneto, ha deciso di offrire un implemento dell’offerta formativa, da lunedì a venerdì in diretta online dalle 10 alle 12 proponendo dibattiti, riflessioni tematiche, letture con scrittori, proposte teatrali per tutti i suoi studenti e aprendosi a gemellaggi giornalieri con altre scuole.

Martedì 3 marzo è stato il turno di Luca Vullo, che in veste di attore, formatore specializzato ed esperto di comunicazione, ha fatto un incontro con i bambini delle scuole di Codogno (Lodi) e Castelfranco Emilia (Modena), dove ha parlato di intelligenza emotiva e comunicazione non verbale. Temi importanti in questo momento storico dove è necessario interpretare e conoscere bene le nostre emozioni e il nostro corpo.

Insieme a Vullo c’era Serafina Dangelico, la docente di scuola primaria dell’Istituto comprensivo Guido Guinizelli di Castelfranco Emilia. Si tratta di un progetto innovativo che cerca di colmare i vuoti scolastici dovuti alle restrizioni ministeriali per il Coronavirus, sfruttando la rete per offrire ai bambini oltre alle lezioni individuali, un servizio più ampio e completo con un filo comune.

Tutto ciò rientra in una serie di iniziative di volontariato portate avanti da Luca Vullo che, nei prossimi giorni, organizzerà nuovi incontri con i bambini. Grazie al sostegno di Tuttoscuola, infatti, la tecnologia consente il proseguimento delle lezioni e della solidarietà umana e formativa.

Al progetto hanno già partecipato il Ministro all’Istruzione Lucia Azzolina, la scuola di robotica di Genova e tanti altri professionisti sensibili alla causa daranno il proprio contributo.

Luca Vullo è autore, regista, produttore cinematografico e teatrale, siciliano d’origine e londinese d’adozione. Il successo internazionale della sua docu-fiction La voce del corpo sulla gestualità dei siciliani ha fatto sì che Luca diventasse ambasciatore della gestualità italiana nel mondo.

Oggi, in questa veste, è impegnato in diversi ambiti professionali: la formazione scolastica e universitaria, il coaching teatrale e aziendale, la consulenza televisiva, la consulenza scientifica e l’intrattenimento.

Vullo è già stato ospite a Lozzo Atestino nel 2019, dove ha presentato con successo i suoi spettacoli La voce del corpo (sulla gestualità dei siciliani) e Io al posto tuo (per sensibilizzare la società civile sul problema dei disturbi di apprendimento), coinvolgendo scuola e comunità. Questa volta è tornato virtualmente per confermare la sua passione per la formazione e la sua sensibilità per il sociale.


Dice di sé Luca: «Faccio una grande fatica a descrivermi perché è come se tentassi di spiazzarmi ogni giorno mettendomi alla prova con nuove avventure, tirando fuori dal cilindro altre passioni e iniziando nuovi progetti in cui credo».

Dal 2020, inoltre, Vullo cura alcuni laboratori formativi permanenti Mind4children, spin-off dell’Università di Padova, sulla comunicazione verbale e non verbale nell’insegnamento. Il progetto vanta la direzione scientifica della Prof. ssa Daniela Lucangeli, con la quale sta scrivendo il suo prossimo libro che sarà pubblicato dalla Erickson.

Nei mesi scorsi, intanto, è uscito L’Italia s’è gesta. Come parlare italiano senza parlare, il primo libro dell’attore e formatore siciliano, pubblicato da ULTRA edizioni all’interno della collana comica Veni vidi risi curata da Stefano Sarcinelli.

Intervista alla Preside (Istituto in zona rossa)

pubblicato 22 mar 2020, 11:29 da ENRICA STEFFENINI

Repubblica - 7 marzo 2020

A Codogno la telescuola che resiste al virus

pubblicato 22 mar 2020, 11:22 da ENRICA STEFFENINI

Magazine rassegna sindacale - 6 marzo 2020
https://www.rassegna.it/articoli/a-codogno-la-telescuola-che-resiste-al-virus

A Codogno, la «telescuola» che resiste al virus
di Stefano Iucci 06 marzo 2020 ore 14.54
Una comunità educante che nonostante tutto va avanti, crea legami, lavora sulla memoria e sul futuro con l'aiuto di tutti: alunni, insegnanti, personale tecnico e dirigenza. La preside dell'Istituto Comprensivo: molto di quello che facciamo rimarrà

Cecilia Cugini è da settembre la dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Codogno. È al suo anno di prova, dice sorridendo; e che sia una prova davvero non c’è dubbio. La raggiungo al telefono nel primo pomeriggio per farmi raccontare cosa sta accadendo nella sua comunità scolastica che è tale anche senza scuola: bambini, genitori, insegnanti, personale tecnico formano alla fine una specie di corpo con tanti organi diversi. Anche quando le aule sono chiuse. È molto cortese, ma mi chiede di richiamarla dopo un’ora: “Dopo pranzo – racconta – mi collego in video chat con il mio staff. Organizziamo il lavoro, prima però insieme – ma ciascuno a casa propria – ci prendiamo un caffè”.

La scuola, chiusa dal 21 febbraio, ha più di 1.600 studenti, 200 docenti e circa 40 Ata. Cugini è di Piacenza e da quel giorno è in quarantena volontaria, “ma di fatto si lavora più di prima, perché la scuola non si ferma”, ci dice. “Ancor prima che uscisse il decreto – racconta – abbiamo attivato diverse modalità didattiche a distanza per venire incontro alle giuste preoccupazioni dei genitori. Per i ragazzi la nostra è diventata una ‘telescuola’. I docenti si sono mossi in libertà e con grande creatività: dalla semplice fruizione di tutte le modalità che offre il registro elettronico ad applicazioni come Google Classroom, MyEdu che permettono di interagire, caricare e scaricare materiali didattici”.

Se la scuola è innanzitutto comunità fisica, è chiaro che le problematiche maggiori riguardano i bambini e le bambine della scuola dell’infanzia, un’età in cui la relazione diretta assume un ruolo ancora più importante: “Prima abbiamo lavorato per rassicurarli rispetto a possibili ansie da abbandono, poi le maestre, utilizzando anche una nostra applicazione, hanno cominciato a lavorare con loro in piccole classi virtuali, ad assegnare piccoli compiti: giochi da fare, osservare delle piantine, passeggiare”, racconta la dirigente scolastica.

I nodi da affrontare in questa sorta di tempo sospeso sono diversi: il primo sta nel fatto che il 20 per cento della scolaresca dell’istituto di Codogno è straniera: “Il problema per me più delicato è questo – osserva Cugini –: possiamo essere sicuri di raggiungere la nostra intera utenza? Difficile dirlo, spesso non sappiamo se a casa hanno un computer, una connessione. Alcuni sono appena arrivati e non hanno neanche le credenziali per entrare nel registro elettronico: mettere in atto modalità di istruzione a distanza in queste condizioni non è semplice. Devo dire che la comunità si è mobilitata, sono tanti i genitori che si sono mossi per dare una mano a queste famiglie. E questi sono segnali importanti”.

Altro tema è quello che riguarda gli alunni con disabilità: “In questi casi è importante che la relazione con i docenti sia personale, diretta. E l’impegno degli insegnanti di sostegno è da sottolineare: incontrano i ragazzi, li portano a camminare insieme, naturalmente con tutte le precauzioni del caso”.

Tante difficoltà ovviamente in questa situazione ci sono anche nell’altro pezzo importante dell’attività di una scuola, quello dell’attività tecnica e amministrativa degli Ata. Non tutto si può fare a casa da remoto, molto materiale, soprattutto quello che riguarda le iscrizioni per le materne, è ancora cartaceo: e qui poi, a emergenza finita, bisognerà fare un serio ragionamento (e investimento) sulla digitalizzazione delle nostre scuole.

Appunto: quando sarà finita. Cosa resterà? “Spero che tante delle cose fatte in queste settimane rimangano – aggiunge la preside –. A cominciare da quelle sul versante tecnico dell’innovazione digitale: pensi che con la scuola di Vo’ Euganeo, in Veneto, abbiamo messo in piedi un team di ‘innovatori’ instancabili che tramite webinar lavorano insieme su coding e robotica: anche questo è un modo per fare rete”.

E poi, ovviamente, la memoria: “Un docente sta facendo lavorare tutti gli alunni sulle emozioni e le proprie paure con disegni, piccoli manufatti, poesie, canzoni che poi, una volta usciti dall’emergenza, vorremmo esporre in una mostra”.

Alla fine della nostra chiacchierata Cugini fa una piccola pausa e abbassa il tono della voce: “La comunità avverte su di sé con grande sofferenza lo stigma di chi si sente l’untore d’Italia”. È forse la cosa più triste, un sentimento che può ingenerare depressione, passività e paura. Ma sono momenti: qui c’è una comunità che si stringe intorno alla sua scuola e a sua volta chi opera nella scuola la sente come un pezzo fondamentale della propria vita: “Pensi – conclude la dirigente scolastica – che alcune signore tra il personale Ata ci hanno chiesto di poter sgattaiolare di nascosto dentro all’istituto per ‘dare una bella pulita’. Naturalmente glielo abbiamo vietato nel modo più tassativo. Ma il segnale è molto bello”.


Dirigente IC Codogno su Agorà Rai 3

pubblicato 8 mar 2020, 18:35 da ENRICA STEFFENINI

https://www.raiplay.it/video/2020/02/agor-04e87b59-3623-4fe6-8b6f-87076744b0e7.html  

intervista alla Dirigente scolastica dell'IC di Codogno durante la puntata del 2 marzo 2020)

Lettera di una Preside della zona rossa

pubblicato 3 mar 2020, 15:43 da ENRICA STEFFENINI

Come può la scuola raggiungere gli studenti della zona rossa? Ci risponde Cecilia Cugini, dirigente dell'Istituto di Codogno, con un messaggio di grande coraggio e determinazione
preside-zona-rossa
Nella zona rossa le scuole rimarranno chiuse per ben due settimane e la prossima apertura – sempre che non vengano emanate nuove restrizioni – è prevista per lunedì 9 marzo. Mentre le scuole della Lombardia si organizzano per fronteggiare la chiusura forzata con lezioni telematiche e didattica a distanza, per l’Istituto di Codogno, situato nel cuore della zona rossa, le sfide da affrontare sono anche più difficili.

Come la scuola può raggiungere gli studenti in isolamento

Abbiamo raggiunto al telefono la Dirigente dell’Istituto di Codogno Cecilia Cugini che venerdì scorso ha dovuto lasciare la scuola in fretta e furia, insieme a docenti e alunni. Giusto il tempo di assicurarsi che ragazzi e bambini arrivassero a casa, e le porte della scuola di Codogno venivano chiuse definitivamente. La Preside vive fuori dalla zona rossa e da quel giorno non ha più potuto mettere piede a scuola, neppure per accedere alla strumentazione che agevolerebbe l’avvio della scuola telematica. Gran parte dei docenti, invece, vive all’interno dell’area in quarantena, così come tutti gli studenti dell’Istituto. Ma, nonostante le difficoltà oggettive, la scuola di Codogno non si è arresa all’emergenza del Coronavirus e da ieri ha messo in campo una serie di iniziative per raggiungere gli studenti che si trovano in isolamento nelle loro case. Da Google Classroom ai podcast su whatsapp, alla possibilità di fare lezione tramite videochiamata, sono diversi gli strumenti a cui i docenti possono appoggiarsi in questo momento per raggiungere i loro alunni. Bisogna, però, considerare che non tutti i ragazzi sono dotati di PC a casa, così come non tutti gli insegnanti hanno la strumentazione adatta per avviare da casa la scuola telematica, che rischia così di perdersi qualche studente. “Poi c’è la partita dei ragazzi disabili, che possono tendenzialmente avvalersi degli strumenti già a loro disposizione. Inoltre – ci tiene a precisare la Preside – questa può essere l’occasione per avvicinare le famiglie e renderle più partecipi”. 


Angoscia, paura e isolamento. Per affrontare questo miscuglio letale di emozioni, la comunità di Codogno deve mettere in campo tutta la sua forza e determinazione. Ma le parole di Cecilia – come si firma la Preside nella lettera che rivolge alla comunità – ci fanno pensare che nessuno a Codogno si sia arreso alla paura e il ritorno alla normalità sia un sogno in avvicinamento. La lettera di una Preside dalla zona rossa 

Cari tutti,

spero veramente che stiate bene (e non è una frase retorica).

Le circostanze di questi giorni, di cui non ci stiamo ancora capacitando, stanno mettendo a dura prova la nostra comunità, da un punto di vista sanitario, economico, organizzativo ma soprattutto psicologico.

[…]

La scuola sta anche studiando delle attività didattiche da fornire agli alunni che resteranno a casa in questi giorni; la chiameremo “telescuola”, e speriamo che queste vengano bene accolte dagli alunni e dalle famiglie: si cercherà di raggiungere tutti gli alunni, anche quelli che non hanno un computer a disposizione. Crediamo che mai come in questo momento l’attività di studio, di lettura e di esercizio sia importante per cercare di mantenere i nervi saldi ed essere determinati a non arrendersi, come questa comunità mi ha insegnato in questi mesi di servizio.

Non lasciamoci prendere dal panico, perché questo non cambia le cose e non fa altro che accrescere in chi ci sta vicino l’ansia e la preoccupazione. Non facciamo caso alle persone che ci additano come degli appestati e dimostriamo loro che noi siamo più forti. Evitiamo di scaricare sugli altri le nostre ansie contenendo il nostro utilizzo dei social network e moderando sempre i toni: una volta che il virus sarà debellato, le ferite provocate dalle parole dette in un momento di paura saranno molto più lunghe da rimarginare.

E soprattutto siamo solidali tra noi: se qualcuno si ammala, non lo fa certo apposta, e se rispettiamo il dolore e la preoccupazione con qualche parola di incoraggiamento, dimostriamo la nostra amicizia e la nostra vicinanza. Cerchiamo di aiutarci, facciamo vedere al resto d’Italia che questa è una comunità sana, responsabile, determinata, e che questo virus è arrivato a noi perché solo noi abbiamo la forza di contrastarlo, anche se a caro prezzo.

Vi tengo aggiornati e, anche se solo virtualmente, vi abbraccio tutti calorosamente.

Cecilia C.

© Riproduzione Riservata

1-10 of 67